Wozniak. 18 chili per comunicare. Portatili

Ci sono dei doppioni: il suo iPad, l’iPad di Janet, 8  telefoni, un Droid Razr, due Galaxy Nexus uno AT&T l’altro scraccato, quattro iPhone, due di Janet, due suoi, uno scraccato. Un paio di navigatori, un Kindle, qualche rilanciatore, un portatile, un hard disk firewire, una tastiera per ipad, orologi, ipod Nano con cinturini da orologio, aggeggi per ricaricare, rispettivi fili e spine. Insomma, Steve Wozniak, uno dei due papà storici di Apple con Steve Jobs (quelli del garage, per la leggenda), ha confessato al sito Gizmodo  (con cui collabora) che questo è il peso che si porta sulle spalle (in uno zaino) quando va in giro. Sui 18 chili circa. Sul sito di Gizmodo pochi hanno alzato il sopracciglio, qualcuno per chiedere che zaino usa, perché hanno amici che girano con più cose. E in effetti ai tempi c’erano rubriche sui nomadi digitali che spiegavano con quanta ferraglia traversavano il mondo da casa a scuola. C’è chi come Massimo Mantellini su Punto Informatico si è chiesto quanto ormai la tecnologia si impicci nella nostra vita quotidiana. E, aggiungerei, cos’è successo da quando ci bastava cercare una cabina telefonica… Ma in effetti, a parte che Wozniak è un personaggio particolare, e forse voleva dire a Gizmodo quanta roba gli fan portare dietro per fare il collaboratore di lusso, avete mai notato nei forum che spesso gli intervenuti invece che mettere sotto il loro nome una frase famosa o spiritosa, mettono l’elenco dei loro oggetti? Succede anche a certi amanti dell’hi-fi o della customizzazione delle biciclette. Noi siamo quel che possediamo. O che ci possiede.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...