La vita è a colori, la Leica in bianco e nero…

L’hanno chiamata M Monochrom, per evitare dubbi. La forma è Leica pura, il corpo macchina è la M9-P, il sensore un 18 megapixel, full frame senza filtro per i colori primari. Cioè vede solo il bianco e il nero. Doveva essere dedicata a Cartier Bresson. Potrà usare tutti gli obbiettivi della M dal 1954. Il solo corpo costerà 6800 euro. Uscirà a luglio. È una scelta di nicchia eppure si mette nella politica di Leica di affermarsi come macchina non necessariamente per specialisti o supersnob. Vabbè: potevamo usare la frase la vita è a colori, ma la realtà è in bianco e nero: dicono sia di Wim Wenders in 

Lo stato delle cose: in effetti in quel film Samuel Fuller brontola Life is in colour, but black and white is more realistic.  La vita è a colori ma il bianco e nero è più realistico. C’era anche chi faceva malinconicamente lo spiritoso: Chi oggi può fare un film in bianco e nero? Le zebre, era la risposta.  In ogni caso, per fare bianco e nero in digitale non basta desaturare , bisogna pensare in bianco e nero prima.   Una macchina digitale settata per non fare foto a colori elimina un certo numero di informazioni: meno informazioni, più errori possibili. O la foto viene o no. Un po’ come ai tempi della fotografia d’assalto dei pionieri quando non c’era possibilità di dare un’occhiata alle immagini in memoria. Il momento dello sviluppo era l’ora della verità. Una macchina vintage? Snob? O un ritorno alla sfida?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...