Jobs. Ero la mamma di un serial killer…

Il giornalista Brent Schlender ha pubblicato parte delle registrazioni di interviste avute con Steve Jobs ai tempi selvaggi in cui Jobs, dall’esterno, osservava la Apple (da cui era stato allontanato) mentre si  avvitava su di sè. Evidentemente soffriva per il destino della sua azienda, ma il paragone che usò è veramente colorito: “Immagina di sentirti come la mamma di Jeffrey Dahmer”. Forse al lettore italiano il nome dice poco. Jeffrey Dahmer, necrofilo in tenera età, definito anche “il cannibale di Milwaukee” era responsabile di 17 omicidi avvenuti tra il 1978 e il 1991. Prese l’ergastolo ma venne ucciso in carcere da un detenuto schizofrenico. Della sua mamma e di come si sentisse sappiamo poco. Ma sappiamo qual era lo stato d’animo di Jobs mentre la sua azienda prendeva strade per lui sbagliate: “non smetti mai di amare la tua creatura”.  Letto su  FastCompany 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...