iRing, il signore dell’anello. Apple?

Oggi la tv ideale dovrebbe essere smart, avere almeno 4k (cioè altissima definizione), essere anche 3D, parlare, riconoscere la tua voce e la tua faccia,  riconoscere le tue abitudini, prendere filmati via DNLA, Wi-Fi, Usb, meglio con doppi decoder terrestri, dischi rigidi per registrare e, per gli estimatori, Ikea  vende addirittura la versione integrata nel mobiletto Uppleva/Besta per evitare che i cespugli di cavi distruggano il sistema nervoso di vostra moglie e il vostro matrimonio. Ma la Apple, da cui tutti si aspettano una iTv, nella visione di Brian White, analista della Topeka Capital Markets, addirittura ci mette l’anello magico, l’iRing: uno se lo mette al dito e addio telecomando, si passa alla bacchetta magica. Il che significa, per partire, iTv da 60 (sessanta!) pollici (poi magari scendono di polliciaggio) , anello magico al dito e ovviamente un ecosistema di iPad e iPhone e altre cose molto I e molto smart che si inchinano al televisore al centro del potere. Tenete presente che l’ultima previsione di White è su un iPhone che riconosce le impronte digitali e che su internet scommettono su chi sia l’insider che gli fornisce così ricche informazioni…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...